ARTICOLI

Le conclusioni del Consiglio europeo di marzo

Renato Loiero

02 Aprile 2013

Il Consiglio europeo tenutosi a metà marzo scorso ha rappresentato uno snodo centrale nell'attuazione del nuovo percorso meglio noto "Semestre europeo", finalizzato a dare una più incisiva guida strategica all'azione di  politica economica europea nell'ambito degli obiettivi della Strategia "Europa 2020" per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

Continua...

La Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza 2012

Prof.Renato Loiero

12 Ottobre 2012

Continua...

La ulteriore riforma dei meccanismi della governance finanziaria dell'area Euro

Prof. Renato Loiero

07 Dicembre 2011

L'UE ha chiaramente bisogno di una sorveglianza macroeconomica rafforzata a livello dei singoli paesi, che integri tutti i pertinenti settori della politica economica.

E' ormai chiaro che gli squilibri macroeconomici devono essere affrontati nel contesto della politica di bilancio e delle riforme strutturali attuate per stimolare la crescita ma l'obiettivo più ad ampio spettro è quello di garantire la stabilità macroeconomica, di impedire la comparsa di squilibri pregiudizievoli e di creare un contesto macroeconomico generale favorevole ad una crescita dinamica e sostenibile.

 

Continua...

L'esperienza della spending review nella normativa italiana

Cons.Renato Loiero

13 Settembre 2011

L’articolo XV della Dichiarazione dei diritti dell’uomo e del cittadino del 26 agosto 1789 sancisce che:"La società ha il diritto di chiedere conto ad ogni agente pubblico della sua Amministrazione".

A ben vedere, si tratta della finalità principale degli interventi più recenti di riforma della P.A. e il presupposto fondamentale sulla strada della costruzione di un nuovo rapporto tra Amministrazione e cittadino-utente.

Continua...

Il raddoppio dei termini per l'accertamento nelle ipotesi penali

Cons.Renato Loiero

12 Settembre 2011

Al fine di velocizzare l'attività di riscossione, l'art. 29 del decreto-legge n.78/2010 prevede che a partire dagli avvisi di accertamento notificati dal 1 luglio 2011 e relativi ad annualità 2007 e seguenti, l'avviso di accertamento diverrà atto esecutivo. Esso conterrà l'intimazione al debitore a pagare l'importo dovuto entro il termine per la proposizione del ricorso ovvero, nel caso di proposizione dello stesso, a versare nel suddetto termine la metà delle maggiori imposte ed interessi richiesti. Nel caso di pagamento oltre il termine previsto per la proposizione del ricorso gli interessi di mora verranno calcolati dal giorno successivo a quello di avvenuta notifica dell'avviso di accertamento...

Continua...